Danno non patrimoniale. Le nuove tabelle del Tribunale di Milano

A Marzo sono state presentate e trasmesse le nuove tabelle dell’Osservatorio sulla Giustizia civile di Milano, a firma del Presidente Damiano Spera e della dott.ssa Elena Riva Crugnola, per il risarcimento del danno non patrimoniale.

La categoria del danno non patrimoniale attiene ad ipotesi di lesione di interessi inerenti alla persona, non connotati da rilevanza economica o da valore scambio ed aventi natura composita, articolandosi in una serie di aspetti (o voci) con funzione meramente descrittiva (danno alla vita di relazione, danno esistenziale, danno biologico, ecc.); ove essi ricorrano cumulativamente occorre, quindi, tenerne conto, in sede di liquidazione del danno, in modo unitario, al fine di evitare duplicazioni risarcitorie, fermo restando, l’obbligo del giudice di considerare tutte le peculiari modalità di atteggiarsi del danno non patrimoniale nel singolo caso, mediante la personalizzazione della liquidazione (Cass. n. 21716/2013; n. 1361/2014; S.U. n. 26972/2008). Non è, pertanto, ammissibile nel nostro ordinamento l’autonoma categoria del “danno esistenziale” in quanto tutti i pregiudizi di carattere non economico, concretamente patiti dalla vittima, rientrano nell’unica fattispecie del “danno non patrimoniale” di cui all’art. 2059 c.c., Tale danno, infatti, in base ad una interpretazione costituzionalmente orientata dell’art. 2059 c.c., costituisce una categoria ampia, comprensiva non solo del c.d. danno morale soggettivo, ma anche di ogni ipotesi in cui si verifichi un’ingiusta lesione di un valore inerente alla persona, dalla quale consegua un pregiudizio non suscettibile di valutazione economica, purché la lesione dell’interesse superi una soglia minima di tollerabilità (imponendo il dovere di solidarietà di cui all’art. 2 Cost., di tollerare le intrusioni minime nella propria sfera personale, derivanti dalla convivenza) e purché il danno non sia futile e, cioè, non consista in meri disagi o fastidi (Cass. n. 26972/2008; n. 4053/2009). … bi-polarità tra danno patrimoniale (art. (2043 c.c.) e danno non patrimoniale (art. 2059 c.c.) e dovendo quest’ultimo essere risarcito non solo nei casi previsti dalla legge ordinaria, ma anche ove ricorra la lesione di valori della persona costituzionalmente protetti cui va riconosciuta la tutela minima risarcitoria (Cass. n. 15022/2005).”

Le tabelle concernono la liquidazione del danno non patrimoniale derivante da lesione della integrità psico-fisica e dalla perdita grave del rapporto parentale oltre ulteriori elaborazioni che stabiliscono criteri orientativi per la liquidazione del danno non patrimoniale da “premorienza” (ovvero danno legato alla effettiva durata della vita), il danno terminale (detto anche danno da lucida agonia), il danno da diffamazione a mezzo stampa e con altri mezzi di comunicazione di massa (danno da lesione dell’immagine della persona) e il danno ex art. 96 c.p.c. terzo comma (danno da lite temeraria).

TABELLE-MILANO-EDIZIONE-2018

Danno biologico di natura psichica

o GIUSTIZIA facebook

La quantificazione del risarcimento del Danno biologico di natura psichica va fatta tenendo conto dell’intensità dell’effettiva sofferenza patita dalla vittima.

Lo stabilisce la Corte di Cassazione con la sentenza n°29759/2017, secondo cui chi subisce una lesione che lo porta alla morte, anche a distanza di breve tempo, patisce un danno biologico di natura psichica ogni qualvolta abbia percepito in maniera lucida l’approssimarsi dell’esito letale.

Detto in altri termini, l’entità del danno biologico di natura psichica, in questi casi, non dipende dal tempo intercorso tra la lesione e la morte, bensì dall’intensità effettiva della sofferenza che la vittima ha provato.

Quando parliamo di danno biologico, la determinazione della liquidazione viene effettuata facendo riferimento a specifici criteri tabellari.

In casi come questo, invece, il giudice è tenuto ad adeguare tali criteri al caso concreto, procedendo alla cosiddetta personalizzazione.

Nella fattispecie, la Cassazione ha cassato con rinvio la sentenza con la quale la Corte d’Appello di Trieste aveva confermato il rifetto della domanda di risarcimento avanzati dagli eredi del defunto, sostenendo la carenza di allegazione e prova in ordine alla condizione di quest’ultimo nell’arco di tempo tra la manifestazione della malattia ed il decesso.

Ma cosa intendiamo per Danno Biologico di natura Psichica?
Il Danno Psichico appartiene alla categoria dei danni non patrimoniali, ovvero di quei danni che non interessano il patrimonio del soggetto, ed è una subspecies del Danno Biologico.
Nel diritto il Danno Biologico viene definito in senso stretto come “lesione dell’integrità psicofisica medicalmente accertabile“. In altri termini, si tratta di un danno alla salute dell’individuo. Quindi qualsiasi lesione o alterazione patologica, nel corpo o nella mente, costituisce un danno biologico.
La lesione fisica (come, ad esempio, la frattura di un osso, la rottura di un tendine, la lacerazione di un muscolo etc) interessa il corpo umano.
La lesione psichica (come, ad esempio, la depressione reattiva, un disturbo ansioso, la psicosi etc) interessa la mente umana.
Entrambe costituiscono una lesione alla salute e perciò sono possibili danni biologici.
Il Danno Psichico può, pertanto, essere definito come una lesione della salute psichica dell’individuo che consiste in un’alterazione patologica dell’integrità psichica e dell’equilibrio di personalità, provocata da un evento traumatico di natura dolosa o colposa, che limita notevolmente ed in maniera durevole l’esplicazione di alcuni aspetti della personalità nel regolare svolgimento della vita quotidiana.
Il Danno Psichico non va confuso con il Danno Morale, che invece rappresenta il “transeunte turbamento dello stato d’animo della vittima” (Corte Costituzionale, sentenza n°233/2003).
Il Danno Morale rappresenta anch’esso un danno di natura non patrimoniale, ma si concretizza in quel turbamento emotivo subito dalla vittima di un evento dannoso, per il dolore, il disagio e la sofferenza psicofisica che costituisce l’immediata conseguenza dell’evento lesivo e che ha una natura necessariamente temporanea, in quanto dura per un breve lasso di tempo senza compromissione della salute dell’individuo e della sua quotidianità.
Più difficile è comprendere il distinguo tra danno psichico e Danno Esistenziale, perchè un danno psichico spesso può determinare anche un danno esistenziale, ma un danno esistenziale non sempre implica la presenza di un danno psichico.
Il Danno Esistenziale viene definito come la “compromissione della qualità della vita normale del soggetto o uno stato di disagio psichico che non arriva a configurarsi come un quadro clinico patologico” (Pajardi, Macrì, Merzagora Metsos, 2006).
Il Danno Esistenziale consiste, quindi, nel “non poter più fare“, in quanto inficia le azioni realizzatrici della persona umana come i rapporti familiari, affettivi, sociali, le attività di svago, di intrattenimento etc.
Facciamo un esempio per chiarire meglio la questione.
Un soggetto vittima di un sinistro stradale rimane talmente spaventato da non voler più guidare una macchina. L’evitamento della guida potrebbe essere il sintomo di un vero e proprio danno psichico, ma se il timore di guidare non è patologico, nonostante tale conseguenza comporti una riduzione dell’autonomia del soggetto ed un peggioramento della propria qualità della vita, ci troviamo di fronte ad un danno esistenziale, non ad un danno psichico.
Il confine tra queste due tipologie di danno è molto sottile; ciò nonostante, la classificazione di entrambi i concetti nell’ambito del danno non patrimoniale consente comunque di superare le limitazioni concettuali e di ottenere, in ogni caso, un ristoro per il danno subito, quale che sia nel caso concreto la sua qualificazione, purchè il danno venga ovviamente provato in corso di giudizio, così come la sua derivazione causale dall’evento dannoso.
Il danno psichico in quanto danno di natura biologica è pacificamente riconosciuto come risarcibile dalla giurisprudenza, anche se necessita di un’attenta ponderazione sia per quanto attiene all’accertamento della reale sussistenza di tale danno nel caso concreto, sia con riferimento alla quantificazione, e quindi alla valutazione economica del danno stesso.