Skip to content

Danno non patrimoniale: le nuove tabelle

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
L’Osservatorio della Giustizia del Tribunale di Milano ha definito le nuove tabelle relative al danno non patrimoniale, che andranno in sostituzione di quelle sinora utilizzate per il risarcimento delle vittime d’incidente (non solo stradali).
Come noto, ad oggi non esiste un tabellario unico; nonostante ciò, la Corte di Cassazione ha più volte ribadito la vocazione nazionale degli standard milanesi che, di fatto, sono diventate consuetudine per i vari Tribunali italiani (cfr. Cass. Sentenza n.20895/2015).
Le Tabelle di Milano, rispetto ad altre, definiscono parametri che garantiscono la miglior equità valutativa, tant’è che un giudice che sceglie di discostarsene deve adeguatamente motivare tale decisione. Viene, infatti, ritenuta incongrua la “motivazione che non dia conto delle ragioni della preferenza assegnata ad una quantificazione che, avuto riguardo alle circostanze del caso concreto, risulti sproporzionata rispetto a quella cui l’adozione dei parametri esibiti dalle dette Tabelle di Milano consente di pervenire
Le modifiche apportate dall’Osservatorio della Giustizia hanno interessato in particolare il danno terminale, il cui importo complessivo, liquidato fino a 3 giorni, raggiunge i 30.000 Euro ed include la componente biologica temporanea. Questa modifica fa riferimento specifico ai casi in cui chi sopravvive al sinistro resta cosciente e muore poco dopo: la vittima subisce una sofferenza psichica che va oltre le lesioni fisiche, ed è una sofferenza che non rientra nell’accezione del danno biologico. Si tratta di una sofferenza di massima entità se si pensa al ferito grave consapevole che sta per morire. La novità è che si andrà a guardare lo stato di lucidità e non il lasso di tempo per cui l’agonia si protrae. L’Osservatorio ha cercato di liquidare la sofferenza con un grado di certezza ancora maggiore e ha previsto che in questo caso il risarcimento sia trasmissibile ai familiari-eredi.
Oltre a ciò, si propone la liquidazione del danno intermittente.
Per maggiori dettagli, di seguito sono consultabili le tabelle.

 

Fissa un appuntamento

Iscriviti alla Newsletter

0 0 vota
Valutazione Articolo
Iscriviti
Notifica
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
0
Qual è il tuo punto di vista? Lascia un commento!x
()
x