Il consulente può essere chiamato a valutare la capacità di intendere e di volere di un soggetto che, nel compimento di un atto giuridico (es. donazione, sottoscrizione di debito, testamento) si supponga , oltre a manifestare in modo congruo la propria volontà.

Hai bisogno di una consulenza?

Contattami